Home > Progetti

Progetti


indietro

08/03/2013

PROGETTO "ETA' LIBERA - INVECCHIAMENTO ATTIVO" 2013 || INNOVAZIONE CULTURALE E VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO.

Valorizzazione del patto di rete per l'invecchiamento attivo. Promozione dell'idea di invecchiamento come epoca della vita nella sua interezza. Promozione del benessere, della salute, del protagonismo sociale delle persone che invecchiano.


Progetto Etą Libera Invecchiamento Attivo 2013

Il progetto "Età Libera - Invecchiamento Attivo" ha consolidato, negli anni, attività e azioni sociali finalizzati a:

  • sconfiggere i diversi stereotipi che hanno caratterizzato e ancora segnano la vecchiaia come una negatività, un'emergenza, un problema e i vecchi come un costo;
  • affermare un'idea di vecchiaia non come un periodo residuo bensì come un'epoca della vita nella sua interezza: da qui il concetto di "Arco della Vita" e di solidarietà intergenerazionale, per cui lo sviluppo delle persone è assunto come un processo che dura tutta la vita, con caratteristiche e scopi differenti nella loro evoluzione e con altrettante possibili differenze individuali, dando senso e valore a tutte le età;
  • contribuire a promuovere il benessere, la salute, il protagonismo sociale, la dignità delle persone che invecchiano e sostenere, tra questi, quei soggetti che entrano in percorsi di solitudine, di fragilità sociale e/o fisica, attraverso interventi di sostegno e aiuto di relazione, sia che vivano nella propria abitazione /o in un Istituto.

Tre principali direttici

  1. Processi di governance e partnership (come modalità di infrastrutturazione sociale);
  2. Innovazione culturale (sul tema dell'invecchiamento come "arco della vita");
  3. Valorizzazione del volontariato

A queste si aggiunge, quale quarta dimensione operativa, la scelta della comunità territoriale come luogo nel quale realizzare la maggior parte delle attività (livello di Distretto Sociosanitario).

Quattro macro-aree di intervento

  1. Protezione Sociale, con azioni di sostegno alle persone anziane fragili, attività e interventi di relazione, di promozione e protezione socio-assistenziali e di solidarietà sociale
  2. Apprendimento Permanente e del Benessere Sociale, con attività di educazione degli adulti, percorsi formativi sperimentali, laboratori interculturali e intergenerazionali, promozione di sani stili di vita, attività motorie, organizzazione di convegni, seminari e workshop tematici
  3. Promozione Sociale e Socializzazione, con attività rivolte alle diverse età, con particolare attenzione alle persone dai 50 anni in avanti, offrendo occasioni e opportunità di tempo libero, ricreative, culturali e artistiche, di turismo sociale e l'organizzazione di eventi territoriali denominati "Festival dell'Età Libera"
  4. Cittadinanza Attiva, attraverso la promozione del volontariato a sostegno e realizzazione del Progetto "Età Libera - Invecchiamento Attivo" come impegno sociale e di cittadinanza attiva, responsabile e solidale.

Progetto 2013 - Assetto organizzativo e finalità progettuali

Assetto organizzativo

Ci si propone di consolidare la governance e la partnership tra Fondazione Carige, Regione Liguria, Federsanità ANCI Liguria, su finalità e obiettivi specifici da condividere con i soggetti del Terzo Settore che ritengono di far parte della "Rete per l'Invecchiamento Attivo". Ciò richiede la definitiva strutturazione di strumenti e modalità di partecipazione e gestione delle attività e delle azioni progettuali ai diversi livelli territoriali, dal livello regionale fino al livello distrettuale.


Finalità progettuali

Realizzazione di un welfare leggero di comunità (attività gestite e svolte dal mondo delle associazioni che sottoscrivono i Patti di Sussidiarietà attraverso la relativa Rete dell'Invecchiamento Attivo) come parte integrante di un welfare territoriale di comunità, all'interno del quale vengano ricondotte tutte le attività di promozione-protezione, gestite in un rapporto di sussidiarietà circolare al cui centro vi è l'Istituzione pubblica che, in un rapporto di governance e partnership con i soggetti privati (Fondazione e Terzo Settore), valorizza la partecipazione, la responsabilità, la solidarietà, la cooperazione, agendo la funzione sociale pubblica nell'interesse generale per il bene comune.

Si rende opportuno, da parte dei vari attori della rete, verificare l'esistenza di progetti avviati (o in via di attivazione) nei territori della regione, finanziati da soggetti diversi (Regione Liguria, Comuni, Distretti sociosanitari), che potrebbero facilmente interfacciarsi o integrarsi con il Progetto "Età Libera - Invecchiamento Attivo": tale finalità è diretta a superare le sovrapposizioni che possono andare a crearsi on attività progettuali prossime alle aree tematiche di intervento del Progetto qui proposto.

Progetto 2013: AZIONI FINANZIATE CON RISORSE DI FONDAZIONE CARIGE

  1. Realizzazione di un Bilancio Sociale che riassuma i risultati quantitativi e qualitativi ottenuti nei cinque anni di gestione del progetto da presentare attraverso l'organizzazione di un'iniziativa pubblica regionale a Settembre 2013.
  2. Riconferma delle attività organizzate attraverso le macro-aree di protezione sociale, apprendimento permanente e benessere sociale, promozione sociale, gestite prevalentemente con il volontariato.
    • Macro-area della Protezione sociale (promuovere il mantenimento a domicilio delle persone che invecchiano, il sostegno e la vita di relazione di chi vive nella propria abitazione e/o in Istituto, contrastando forme di esclusione sociale, di solitudine e di povertà, cercando di dare un sollievo e un sostegno alle persone anziane con fragilità sociali e fisiche semplici o complesse;  promuovere il sostegno alla mobilità realizzando attività di trasporto socio-assistenzialesanitario sottoforma di "accompagnamento protetto")
      • Telesoccorso: presa in carico a livello regionale di 200 persone anziane con fragilità complesse a cui offrire un monitoraggio 24 ore su 24 attraverso la messa a disposizione di apparecchiature di Telesoccorso;
      • Tele-compagnia/domiciliarità: presa in carico a livello regionale di 200 persone anziane con fragilità semplici alle quali garantire una telefonata settimanale e una o due visite domiciliari mensili secondo i bisogni riscontrati;
      • Accompagnamento protetto: offrire a livello regionale attività di trasporto socioassistenziale-sanitario a favore prevalentemente delle persone anziane sole, con difficoltà di deambulazione, gestito attraverso volontari, con auto messe a disposizione dalle associazioni e/o auto di proprietà dei volontari stessi;
      • Animazione e contrasto alla solitudine per gli anziani ospiti in Istituto: coinvolgere indicativamente un Istituto per ciascun Distretto Sociosanitario della Liguria. All'interno degli Istituti collaboranti individuati, intessere con gli anziani ospiti relazioni solidali per promuovere attività di animazione, di socializzazione e attivare la presa in carico di 150 ospiti, che risultino completamente soli, a cui garantire una o due visite mensili.
    • Macro-area dell'Apprendimento permanente e del Benessere sociale (intercettare e soddisfare la cosiddetta "domanda debole", proponendo la partecipazione ad occasioni di confronto - intergenerazionale e interculturale -, di condivisione dei propri interessi culturali, di aggiornamento delle proprie competenze, favorendo così la possibilità di "vivere la modernità" ed esserne correttamente informati e consapevoli per contrastare il rischio di emarginazione ed esclusione sociale;  facilitare il recupero e l'accrescimento della propria autonomia ed autostima, condividendo le proprie conoscenze ed esperienze, con l'offerta di "spazi di confronto", di trasmissione di conoscenze e di saperi, di discussione sul ben-essere sociale per contrastare le diverse solitudini, il decadimento dell'efficienza fisica, psicologica e mentale)
      • Apprendimento permanente, stili di vita, intergenerazionalità, attività motorie, laboratori, etc...
    • Macro-area della promozione sociale e socializzazione (mantenere attivi interessi, creatività, abilità, relazioni, rapporti intergenerazionali attraverso la promozione la partecipazione e l'accesso degli anziani ad eventi culturali, di animazione del territorio e di turismo sociale all'interno della nostra regione, realizzando progetti territoriali a livello di Distretto Sociosanitario sulle seguenti aree e attività:
      • Promozione del Turismo sociale regionale e della valorizzazione dei territori della Liguria ;
      • Organizzazione dei Festival territoriali dell'Età Libera ed eventi di animazione del tessuto socio-economico del territorio.
    • Macro-area della Cittadinanza Attiva - la promozione del volontariato (valorizzare il "tempo liberato" delle persone che invecchiano sollecitando la loro partecipazione alla comunità e far sì che possano continuare ad essere e sentirsi protagonisti e risorse per sé e per gli altri, per affermare una solidarietà aperta agita per il bene comune e per la costruzione di una cittadinanza attiva e responsabile)
      • Promozione della figura del "volontario facilitatore-coordinatore" a livello regionale e in ognuno dei 19 Distretti Sociosanitari liguri, con un ruolo di referenti per il Progetto e funzioni di promozione, coordinamento e attuazione dello sviluppo delle azioni progettuali (gruppi, attività, laboratori, ecc.) e del "volontario gestore" delle diverse azioni progettuali
      • Organizzazione delle seguenti attività (grazie a risorse aggiuntive derivanti dall'ottimizzazione delle spese previste per l'edizione 2012 del Progetto):
        • Promuovere, nei mesi di Settembre e Ottobre 2013, la valorizzazione sociale delle persone che invecchiano dando visibilità pubblica ai diversi percorsi previsti nel Progetto "Età Libera - Invecchiamento Attivo" attraverso giornate, organizzate contestualmente in tutte le province della Regione, dedicate a singoli temi e argomenti specifici quali:
          • i rapporti tra le generazioni per un nuovo "patto solidale";
          • l'anziano come protagonista nella genitorialità e nella generatività (il ruolo degli anziani nella cura dei nipoti e della famiglia);
          • Il ruolo del caregiver per contribuire a far vivere gli anziani con fragilità sociali e/o fisiche nel proprio ambiente di vita;
          • iniziative ed eventi dedicati agli ospiti degli Istituti per anziani, con l'obiettivo della promozione e assunzione definitiva della "Carta dei Diritti per chi non ha voce" (anziani ospiti in Istituto);
          • la valorizzazione dell'impegno di cittadinanza attiva nel prendersi cura dei beni comuni e dei beni pubblici;
          • la promozione di sani stili di vita e attività motorie;
          • l'apprendimento permanente e l'accesso ai beni culturali lungo tutto l'arco della vita;  
          • il Turismo sociale come valorizzazione del territorio, del patrimonio artistico e paesaggistico della Liguria.
            • Evento "Lineadarco. Costruire ponti per l'invecchiamento attivo" - Palazzo Ducale, Sala del Maggior Consiglio, Sabato 21 e Domenica 22 Settembre 2013: approfondisci...
        • Realizzazione, nell'arco dell'anno, di attività di socialità e animazione del territorio:
          • Progetto sperimentale denominato "Il coro delle badanti: badanti e anziani insieme per il dialogo tra culture e generazioni", con la realizzazione di un percorso educativo-formativo e ricreativo (ed uno spettacolo finale) che prevede la formazione di un coro multietnico femminile che metta insieme badanti straniere e persone anziane grazie all'aggregazione attorno alla tradizione musicale e canora delle varie provenienze etniche
          • Progetto sperimentale denominato "STAI: Sport, Tango e Armonia Insieme", con la realizzazione di un corso di tango intergenerazionale, per promuovere il movimento come educazione motoria e coordinazione psico-motoria e la socialità ricreativa fra generazioni
          • La III edizione del concorso canoro "Il Microfono d'Argento" (evento finale: 9 Novembre 2013) 
          • La IV edizione del Festival dell'Età Libera in Valbisagno
          • Organizzazione dell'iniziativa "Manualmente - Il Mercato dei Creativi" (in collaborazione con lo Sportello CIV del Comune di Genova)
        • Realizzazione di un progetto sperimentale sulla trasmissione dei saperi e lo scambio intergenerazionale "Storie e immagini del tempo", con l'obiettivo di raccogliere esperienze e testimonianze sul vissuto e sugli antichi mestieri al fine di trasmettere il bagaglio culturale ed esperienziale alle giovani generazioni.
      • Azioni finanziate con risorse della Regione Liguria (in partnership con Fondazione Carige):
        1. Consolidamento del Numero VerdeBlu "InformAnziani" 800995988 (in co-finanziamento con l'Associazione Auser Liguria e la Cooperativa Televita), attraverso:
          • la messa a disposizione del programma informatico per la realizzazione di una Banca Dati Informativa, in tutta la Regione, che contenga l'elenco dei soggetti della rete progettuale e le loro attività, un elenco di soggetti di terzo settore, non ancora in rete, e loro attività, un elenco di soggetti privati con cui costruire rapporti di convenzione (es.: esercizi commerciali, artigiani, ecc.) e la realizzazione di una Banca Dati sulle fragilità (che contenga la gestione degli interventi e i relativi bisogni a cui si è data risposta);
          • la strutturazione definitiva, attraverso volontari, dei Punti di Ascolto del Numero Verde nelle quattro province liguri e nell'area del Tigullio attraverso cui esercitare il servizio di "InformAnziani" e attivare nei Distretti Sociosanitari gli interventi a sostegno degli anziani fragili (pronto intervento sociale, tele compagnia/monitoraggio telefonico, accompagnamento protetto, ecc.);
        2. Promozione di sani stili di vita e attività motorie (AFA, Memory Training, Gruppi di Cammino, ecc.), riproposizione di percorsi di educazione permanente (Corsi "Passare dal lavoro al pensionamento" da realizzarsi in ogni provincia e nell'area del Tigullio);
        3. Realizzazione di un salone espositivo con iniziative sottoforma di workshop dedicati all'invecchiamento attivo (da tenersi nel Comune di Santa Margherita Ligure);
        4. Promozione della cittadinanza attiva attraverso la promozione dell'impegno civile e di specifici profili di volontari: "volontari facilitatori" e "volontari gestori di attività".





      indietro
      Liguria Genova  |  Imperia  |  La Spezia  |  Savona  |  Tigullio Golfo Paradiso