Home > Progetti

Progetti


indietro

01/05/2012

PROGETTO "ETA' LIBERA - INVECCHIAMENTO ATTIVO" 2012

Valorizzazione del patto di rete per l'invecchiamento attivo. Promozione dell'idea di invecchiamento come epoca della vita nella sua interezza. Promozione di un patto di solidarietà intergenerazione e interculturale.


Il progetto Età Libera - Invecchiamento Attivo 2012 permette di avviare in via definitiva una fase innovativa sui temi che ruotano intorno alla vecchiaia per affermare la dignità, il benessere sociale, la salute, il protagonismo delle persone che invecchiano.
Il lavoro di questi anni ha valorizzato i rapporti istituzionali a tutti i livelli e costruito un lavoro di rete tra tutti i soggetti del Terzo Settore, del Sindacato dei pensionati delle loro associazioni di riferimento e di diversi docenti dell'Università degli Studi di Genova.

Il 2012 è l'"Anno Europeo dell'Invecchiamento Attivo e della solidarietà tra le generazioni": l'esperienza ligure può essere rappresentata come un "laboratorio esperienziale" da offrire come riflessione generale per contribuire a far uscire il tema dell'invecchiamento e dei vecchi dall'approccio emergenziale con cui viene affrontato dalla politica e da molta parte delle Istituzioni per assumerlo definitivamente come un fatto positivo di conquista sociale e civile della società.

Le azioni su cui sviluppare il Progetto "Età Libera - Invecchiamento Attivo" 2012 si propongono:

  • il consolidamento dell'infrastrutturazione sociale delle tematiche che ruotano intorno alle politiche dell'invecchiamento valorizzando il "patto di rete per l'invecchiamento attivo" formato da Fondazione CARIGE, Istituzioni Pubbliche e Religiose, Terzo Settore, Università e Forze Sociali, costituitosi ai diversi livelli territoriali della nostra regione;
  • la promozione di un'idea di invecchiamento non come periodo residuo, bensì come un'epoca della vita nella sua interezza; da qui il concetto di "arco della vita" da cui partire per reimpostare una nuova cultura della vecchiaia e una politica sociale integrata per azioni progettuali che permetta alle persone che invecchiano di riconoscere, abitare, vivere attivamente la vecchiaia
  • la riflessione sul contesto sociale dal punto di vista dei cambiamenti nei rapporti tra le generazioni e le culture per riscrivere un patto di solidarietà che valorizzi tutte le età e le culture come reciproco riconoscimento verso una comunità territoriale aperta e capace di prendersi cura del bene comune
  • la promozione del diritto ad apprendere lungo tutto l'arco della vita e per tutte le età come valore per il proprio accrescimento culturale e di conoscenze che aiutano a sviluppare, mantenere le funzioni cognitive e vitali delle persone, in particolare di quelle più avanti negli anni
  • la promozione della creatività, dell'espressività, della manualità, degli interessi culturali, del tempo libero, del turismo sociale, offrendo occasioni-opportunità attraverso "laboratori", eventi, e il Festival itinerante dell'Età Libera
  • la promozione della salute, degli stili di vita, delle attività motorie, dell'educazione alimentare, rafforzando e potenziando il concetto di prevenzione in antitesi a quello di medicalizzazione della vecchiaia e di una sua gestione assistenzialistica
  • la promozione di iniziative finalizzate a far vivere il più a lungo possibile le persone anziane nella propria abitazione, mettendo in atto politiche per l'abitare sicuro e per il sostegno alle persone avanti con l'età che si trovano in condizioni di fragilità sociale o fisica
  • la promozione del volontariato civile degli anziani e delle diverse età per la gestione del Progetto "Età Libera - Invecchiamento Attivo", promuovendo specifici profili di volontariato con funzioni di gestore e/o coordinatore-facilitatore di servizi/attività di protezione e promozione sociale.

Gli obiettivi sopra descritti, per essere realizzati nel loro insieme e attivare le relative diverse azioni progettuali, richiedono un impegno forte e prevalente di volontari di tutte le età.


PROGETTO "ETA' LIBERA - INVECCHIAMENTO ATTIVO" 2012: AZIONI PROGRAMMATE, REALIZZATE, IN VIA DI REALIZZAZIONE

AZIONI DI PROTEZIONE SOCIALE


Sostegno e protezione delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali a domicilio e in Istituto. 


> Azione per il consolidamento del Numero Verde regionale gratuito
> Azioni di volontariato e prossimità
> Animazione e socialità a sostegno delle persone che vivono all'interno degli Istituti
>Domiciliarità leggera programmata
  • Azioni di volontariato di prossimità:
    1. Pronto intervento sociale: svolto nell'arco delle 24/48 ore se vi sono volontari della rete disponibili. (Consegna della spesa, consegna dei
      medicinali, disbrigo piccole commissioni, accompagnamento, piccola manutenzione
      )
    2. Telecompagnia/monitoraggio anziani fragili verso persone indicate dai servizi operando il monitoraggio dello stato di salute dell'anziano a domicilio attraverso due telefonate settimanali con eventuale intervento di controllo a domicilio, se ritenuto utile;
    3. Telesoccorso/monitoraggio 24h su 24h per anziani con fragilità complesse: promuovere la presa in carico di 300 anziani garantendo a 150 di loro il telesoccorso h24 e agli altri 150 l'aiuto domiciliare attraverso contatti telefonici settimanali e due visite domiciliari mensili effettuate da volontari;
    4. Trasporto socio-sanitario-assistenziale: promuovere il sostegno alla mobilità proseguendo la sperimentazione in ogni provincia e nel Tigullio del trasporto socio-sanitario-assistenziale a favore delle persone ultrasettantenni sole, con difficoltà di deambulazione, gestito attraverso volontari
  • Animazione e socialità a sostegno degli anziani ospiti negli Istituti:
    1. conclusione del "Progetto di formazione per animatori volontari negli Istituti", in collaborazione con Fondazione Morando, rivolto a volontari e operatori di Residenze per anziani;
    2. attuazione di progetti di animazione in 15 Istituti della nostra regione finalizzati a contrastare le diverse solitudini offrendo occasioni di socializzazione;
    3. costruzione, in ognuno dei 15 Istituti, dell'elenco degli anziani soli promovendo la loro presa in carico attraverso l'affido a volontari che si impegnino a garantire due visite mensili, per contribuire a dare senso sociale alla vita di queste persone;
    4. organizzazione di un evento in ogni provincia teso alla valorizzazione e socializzazione delle persone che vivono all'interno degli Istituti attraverso iniziative dedicate agli anziani ospiti;
  • Domiciliarità leggera programmata:
    • lo strumento tecnico è la presa in carico e la definizione di un Piano Individuale di Assistenza Socio Assistenziale (P.I.S.A.). Il Piano Individuale va caratterizzato su attività di protezione-promozione non sostitutive di prestazioni lavorative con la finalità di aiutare l'anziano a mantenere attive le proprie funzioni vitali in un rapporto affettivo-amicale. Il Piano Individuale riassume in sé il pronto intervento sociale, la telecompagnia/monitoraggio, la domiciliarità leggera, la socialità.

AZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (azioni finalizzate a valorizzare le risorse vitali delle persone, accrescere le loro conoscenze, prevenire l'esclusione sociale, l'analfabetismo di ritorno, valorizzare la memoria, l'interculturalità, l'intergenerazionalità)


Apprendimento permanente per tutte le età:

> promuovere l'impegno civile degli anziani: percorso formativo sperimentale "Passare dal lavoro al pensionamento"
> promuovere l'inclusione sociale, l'accoglienza e la valorizzazione delle culture: percorso formativo sperimentale "Conoscere, convivere e apprezzare la diversità"

Valorizzazione della memoria, dell'intergenerazionalità, dell'interculturalità:

> promuovere momenti di incontro fra culture e generazioni attraverso la valorizzazione delle tradizioni culinarie e musicali
>  promuovere la seconda edizione del progetto "Pedagogista della Città. Mobilitatore di risorse e mediatore tra le generazioni" (area Tigullio-Golfo Paradiso)

Socialità/tempo libero/valorizzazione del territorio:

> promuovere il Turismo Sociale e l'Estate anziani in città nelle diverse province liguri per contrastare le solitudini degli anziani che restano in città
>  promozione in ogni Provincia e nel Tigullio di eventi territoriali finalizzati ad organizzare iniziative per dare visibilità e valore all'espressività, alla creatività, alla manualità delle persone anziane che risiedono nei vari Comuni della nostra Regione

A tali azioni si aggiunge l'attività progettuale sperimentale rivolta a contenere e ridurre gli episodi di violenza sulle donne anziane attraverso il "Centro Anti-Violenza" della Provincia e del Comune di Genova.

Organizzazione di un Convegno di profilo e rilevanza europea:

La Liguria è una Regione che anticipa di vent'anni i cambiamenti demografici che si determineranno nel nostro paese e in Europa, e per queste ragioni in questi anni si sono sviluppati molteplici Convegni e iniziative progettuali/seminariali.
Per queste ragioni si ritiene importante organizzare un Convegno Europeo finalizzato a ridefinire la vecchiaia come "arco della vita" e valorizzare e offrire la progettualità come terreno di lavoro e sperimentazione.

Progettazione e organizzazione dell'iniziativa "Slow City" - anno 2013

Predisposizione di un piano organizzativo, di ricerca di finanziatori istituzionali e di sponsorizzazioni da grandi aziende, per la promozione dell'evento "Slow City" per l?anno 2013 attraverso la collaborazione e l'integrazione del Progetto Età Libera - Invecchiamento Attivo e del Progetto Giovani, che prevede anche la realizzazione di un evento fieristico attraverso filiere tematiche tese a valorizzare positivamente i cambiamenti demografici del nostro paese.

Realizzazione scientifica del Rapporto Sociale "Progetto Età libera - Invecchiamento attivo"

Supervisione e monitoraggio scientifico del Progetto, attraverso l'analisi del processo e delle attività progettuali, con l'individuazione di indicatori di progetto e la realizzazione del Rapporto Sociale conclusivo per le attività svolte dal 2009 a tutto il 2012.



Per conoscere in dettaglio gli obiettivi e le azioni del Progetto Età Libera - Invecchiamento Attivo 2012:



Progetto e Festival dell'Età Libera: notizie dalla Province liguri



Materiale allegato
  Progetto Etą Libera 2012 - invecchiamento attivo: premessa ed obiettivi


indietro
Liguria Genova  |  Imperia  |  La Spezia  |  Savona  |  Tigullio Golfo Paradiso